Disturbo da sintomi somatici e altri disturbi correlati

Il disturbo da sintomi somatici mostra sintomi oggettivi che procurano disagio accompagnati da pensieri, sentimenti e comportamenti anomali.

Sintomi somatici

La diagnosi di disturbo da sintomi somatici e altri disturbi correlati

Il disturbo da sintomi somatici e altri disturbi correlati costituisce una nuova categoria del DSM-5 nella quale si evidenzia una particolare attenzione non tanto ai sintomi somatici in se stessi, quanto al modo in cui le persone li presentano e li interpretano. La possibilità di includere la componente affettiva, cognitiva e comportamentale fra i criteri relativi alla diagnosi di disturbo da sintomi somatici consente più facilmente di condividere con la persona una concettualizzazione più comprensiva della problematica, avendo presenti le varie componenti della stessa: stili di pensiero, strategie di coping, stress, fattori familiari, fattori ambientali.
Mentre in passato l’accento veniva posto sui MUS (MUS=medically unexplained symptoms), sulla mancanza di una spiegazione medica, attualmente nella diagnosi di disturbo da sintomi somatici l’attenzione viene posta su sintomi oggettivi: sintomi somatici che procurano disagio accompagnati da pensieri, sentimenti e comportamenti anomali. Questo dovrebbe facilitare l’accoglimento della diagnosi da parte della persona, il suo coinvolgimento e la sua motivazione al trattamento.
Questa differenza di approccio appare evidente, confrontando la classificazione del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali DSM-IV-TR con l’attuale classificazione Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali DSM-5.

DSM-IV-TR

Disturbi somatoformi

La caratteristica comune dei disturbi somatoformi è la presenza di sintomi fisici che fanno pensare a una condizione medica generale, da cui il termine somatoforme, e che non sono invece giustificati da una condizione medica generale, dagli effetti diretti di una sostanza o da altro disturbo mentale.

  • Disturbo di somatizzazione
  • Disturbosomatoformeindifferenziato
  • Disturbo di conversione
  • Disturbo algico
  • Ipocondria
  • Disturbo di dismorfismo corporeo
  • Disturbosomatoformenon altrimenti specificato

Disturbi fittizi

I disturbi fittizi sono caratterizzati da sintomi fisici o psichici che sono prodotti o simulati intenzionalmente al fine di assumere il ruolo di malato.

  • Disturbo fittizio
  • Disturbo fittizio non altrimenti specificato

DSM-5

Disturbo da sintomi somatici e disturbi correlati

La caratteristica comune a questi disturbi è la rilevanza di sintomi somatici legati a disagio e compromissione significativi. La principale diagnosi di questa classe diagnostica, quella di disturbo da sintomi somatici, dà rilievo a una diagnosi posta in base a sintomi e segni positivi (sintomi somatici che procurano disagio accompagnati da pensieri, sentimenti e comportamenti anomali, e comportamenti adottati in risposta a tali sintomi), piuttosto che all’assenza di una spiegazione medica per tali sintomi somatici.

  • Disturbo da sintomi somatici
  • Disturbo da ansia di malattia
  • Disturbo di conversione (disturbo da sintomi neurologici funzionali)
  • Fattori psicologici che influenzano altri condizioni mediche
  • Disturbo fittizio
  • Disturbo da sintomi somatici e disturbi correlati con altra specificazione
  • Disturbo da sintomi somatici e disturbi correlati senza specificazione

N.B. Il disturbo da dismorfismo corporeo è stato inserito all’interno del Disturbo ossessivo-compulsivo e disturbi correlati.

Disturbo da sintomi somatici e altri disturbi correlati, le tecniche e le terapie utilizzate:

Terapeuta di riferimento: