Disturbo dipendente di personalità

Disturbo dipendente di personalità
Per richiedere un colloquio:

Che cos’è il disturbo dipendente di personalità

Il disturbo dipendente di personalità si manifesta con una necessità eccessiva di essere accuditi, che determina un comportamento di sottomissione e accondiscendenza per timore della separazione. Il comportamento dipendente e sottomesso è finalizzato a suscitare protezione e nasce da una percezione di sé come incapace di funzionare adeguatamente da solo. Questo disturbo colpisce con maggiore frequenza il sesso femminile e soggetti con un’età media superiore ai 40 anni.

Come si manifesta il disturbo dipendente di personalità

Gli individui con disturbo dipendente di personalità hanno una grande difficoltà a prendere le decisioni quotidiane senza una eccessiva quantità di consigli e rassicurazioni da parte degli altri. Questi individui tendono a essere passivi e a permettere ad altre persone di prendere l’iniziativa e di assumersi la responsabilità per la maggior parte dei settori della vita. Poiché temono di perdere il supporto o l’approvazione, hanno spesso difficoltà a esprimere il disaccordo verso gli altri, specialmente verso coloro da cui sono dipendenti. Mancano di sicurezza in se stessi, quindi si presentano spesso come inetti e bisognosi di assistenza costante ed evitano di iniziare lavori o compiti da soli. Quando ricevono una critica o una disapprovazione, la considerano come una prova della loro mancanza di valore e perdono fiducia in se stessi. Pur di ottenere l’accudimento e il supporto degli altri, i soggetti che soffrono di disturbo dipendente di personalità si offrono per fare compiti spiacevoli. Quando termina una relazione (intima o di amicizia) gli individui con disturbo dipendente di personalità possono cercare subito di entrare in un’altra relazione simile che fornisca il supporto o l’accudimento di cui sentono di avere bisogno. Quando le aspettative dell’altro non sono compatibili con le proprie, avvertono un senso di obbligo a conformarsi ai desideri dell’altro, al quale si ribellano emotivamente con sensazioni di costrizione e di rabbia. La rabbia e il disappunto verso l’altro, a volte, inducono la sensazione che la relazione vacilli. Quest’idea di solito è insostenibile perché le persone con disturbo dipendente di personalità la interpretano come un precursore dell’abbandono. Questo le porta a ristabilire velocemente la vicinanza, cercando di assimilare e assecondare i desideri del proprio partner.

Disturbo dipendente di personalità, le tecniche e le terapie utilizzate:

Terapeuta di riferimento: