Il modello di intervento LIBET

LIBET - Life themes and plans Implications of biased Beliefs: Elicitation and Treatment

Che cos'è il modello di intervento LIBET

LIBET (Life themes and plans Implications of biased Beliefs: Elicitation and Treatment -  Implicazioni sui temi e piani di vita delle credenze: elicitazione e trattamento) è un modello di accertamento (LIBET Booklet) e di intervento sul caso clinico sviluppato dal gruppo di ricerca di Studi Cognitivi (Sassaroli, Bassanini, Redaelli, Caselli & Ruggiero, 2014). Esso appartiene al paradigma clinico e terapeutico CBT (cognitive behavioural therapy) con alcune integrazioni di area costruttivista ed evolutiva.
Sono in corso ricerche di tipo quantitativo e qualitativo su questo modello, condotte dal gruppo di ricerca Studi Cognitivi di Milano e in collaborazione con gli altri gruppi di ricerca di Studi Cognitivi Network (Modena, Firenze, San Benedetto) e in collaborazione con l’Università Sigmund Freud e l’Università Bicocca di Milano.

Perché nasce LIBET?

Le persone sentono il bisogno di una terapia non solo per un sintomo specifico e delimitato nel tempo (es. “soffro di attacchi di panico da 3 mesi”), ma per situazioni di vita difficili, dolorose e complesse (es. “Non so cosa mi stia succedendo… è tutta una vita che mi sento spesso solo… ora però qualcosa è crollato e non so cosa”). Vi sono forme di sofferenza emotiva che, a causa di storie di vita dolorose o traumatiche, presentano caratteristiche problematiche, comportamenti dannosi nella gestione della quotidianità personale e lavorativa e fiducia nella possibilità di curarsi e stare meglio.

Inoltre negli ultimi anni i modelli di intervento terapeutico si stanno moltiplicando e complicano le scelte terapeutiche. Davanti a questa complessità è utile avere un quadro completo e strutturato delle difficoltà del caso clinico per poter definire l’intervento più efficace e le relative tempistiche.

LIBET nasce per dare una risposta proprio a tale complessità e costituisce un tentativo di integrazione tra terapia cognitiva anglo-assone, attenta alla definizione di interventi chiari e scientificamente affidabili e basati sulle prove di fatto e tradizione italiana cosiddetta costruttivista, attenta al vissuto emotivo e alla storia personale.

Spiegazione del modello LIBET

Il modello LIBET permette la comprensione del funzionamento di una persona all’interno della sua storia di vita senza trascurare i sintomi. Con la LIBET è possibile avere un quadro generale della storia della propria sofferenza.
La LIBET si muove su due coordinate:

  • Tema di vita doloroso

Il tema di vita è lo stato mentale doloroso, appreso nella storia di vita e che è considerato intollerabile.
Si tratta dell’argomento affettivo al quale sempre ritorniamo nei nostri dialoghi con noi stessi, al centro della nostra attenzione e delle nostre ruminazioni. Spesso anche un'area in cui siamo particolarmente sensibili alle sofferenze altrui. Tutti noi umani abbiamo dei temi di vita dolorosi, la sofferenza legata a questi è il grado di intollerabilità che provo nel vedermi e sentirmi dentro quella stanza buia che a seconda della storia personale può assumere connotati diversi (“vedermi inadeguato e sentire ansia”, “vedermi abbandonato e sentirmi vuoto” ecc..)

  • Piani semiadattivi

I piani semiadattivi sono strategie attenzionali messe in atto con lo scopo di distanziarsi emotivamente dal tema doloroso. Tutti noi infatti cerchiamo di tenerci lontano dai nostri temi dolorosi e lo facciamo con delle strategie chiamate piani di vita.  Es. ho un tema di inadeguatezza e ansia e per evitare di sentirmi immerso in quel tema cercherò di essere sempre performante, userò un piano di controllo

Il tipo di piano di vita a cui ricorriamo non è il problema, bensì è la rigidità con cui lo mettiamo in atto che lo rende problematico. (Es. Non so fare altro al di fuori del controllo, non cambio mai la mia strategia. A un certo punto ho un incidente per cui sono costretto al riposo. Riesco a adattarmi a questa nuova situazione o vivrò la convalescenza in continua ansia perché non sarò in grado di gestire e controllare le cose come sempre?). Non sono i piani, che tutti mettiamo in atto, a rendere le cose difficili, ma la rigidità della loro attuazione, la mancanza di alternative. Queste strategie possono essere parzialmente funzionali in determinati periodi della vita, ma possono anche ostacolare lo sviluppo personale e possono portare a un esordio sintomatico.

Il paziente solitamente viene in terapia dopo che i piani si sono rotti, con un esordio sintomatico, oppure se vi è la sensazione di non funzionare più come si desidererebbe. Quel piano, quella strategia che è stata utile, a un certo punto non funziona più, si rompe e nasce così il sintomo. Una volta verificatosi l’esordio, vi è una naturale tendenza al mantenimento sintomatico. (Es. crisi d’ansia...oddio, di che cosa si tratta, morirò, impazzirò…più ansia…allora sono finito…più ansia)

Il modello LIBET permette di avere un quadro a 360 gradi del paziente integrando i sintomi e i problemi attuali, la storia di vita, i propri dolori e sofferenze e la loro gestione tramite strategie tipiche di quella persona.
Tale modello permette di strutturare l’intervento attingendo alla tecniche efficaci e ai protocolli CBT utili per quella persona che arriva in terapia con una sua personale storia e in un suo personale momento specifico di vita.

Bibliografia

  • Sassaroli, S., Caselli, G., Ruggiero, G.M.. (2016). Un modello cognitivo clinico di accertamento e concettualizzazione del caso: Life themes and plans Implications of biased Beliefs: Elicitation and Treatment (LIBET). Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale, 22(2), 183-197
  • Sassaroli S., Bassanini A., Redaelli C.A., Caselli G. & Ruggiero G.M. (2016). Basi teoriche cognitivi, evolutive e costruttiviste del modello LIBET. XVIII Congresso Nazionale SITCC (Società Italiana di Terapia Comportamentale e Cognitiva). 15-18 settembre 2016, Reggio Calabria.
  • Redaelli C.A., Bassanini A., Caselli G., Ruggiero G.M. & Sassaroli S.(2016). LIBET Booklet: l’accertamento e la restituzione LIBET. XVIII Congresso Nazionale SITCC (Società Italiana di Terapia Comportamentale e Cognitiva). 15-18 settembre 2016, Reggio Calabria.
  • Ruggiero G.M., Bassanini A., Caselli G., Redaelli C.A. & Sassaroli S.(2016). Procedure e protocollo di terapia basate sul modello LIBET. XVIII Congresso Nazionale SITCC (Società Italiana di Terapia Comportamentale e Cognitiva). 15-18 settembre 2016, Reggio Calabria.
  • Bassanini A., Redaelli C.A., Caselli G., Ruggiero G.M. & Sassaroli S.(2016). LIBET (Life Themes and Plans Implications of Biased Beliefs: Elicitation and Treatment): unmodello integrato di concettualizzazione del caso clinco. XVIII Congresso Nazionale SITCC (Società Italiana di Terapia Comportamentale e Cognitiva). 15-18 settembre 2016, Reggio Calabria.
  • Incerti A., Bertani D., Rossi F., Valenti V., Bassanini A., Caselli G., Redaelli C.A., & Sassaroli S. (2016). LIBET GEN: l’adattamento del LIBET Booklet ai genitori. XVIII Congresso Nazionale SITCC (Società Italiana di Terapia Comportamentale e Cognitiva). 15-18 settembre 2016, Reggio Calabria.
  • Sassaroli S., Caselli G., Bassanini A., Redaelli C.A., & Ruggiero G.M. (2014). Life Themes and plans implications of biased beliefs: elicitation and treatment (LIBET). Annual Convention of the American Psychological Association (APA). August, 7th – 10th, Washington DC.
  • Redaelli C.A., Bassanini A., Caselli G., Ruggiero G.M. & Sassaroli S. (2015). Uno studio pilota su un modello di concettualizzazione del caso clinico: Life Themes and Plans Implications of Biased Beliefs: Elicitation and Treatment (LIBET). VI Forum sulla Formazione in Psicoterapia, 16, 17 e 18 Ottobre 2015, Assisi (PG).
  • S. Sassaroli , A. Bassanini , C.A. Redaelli, G. Caselli, G. M. Ruggiero (2014) “UNO STUDIO PILOTA SU UN MODELLO DI CONCETTUALIZZAZIONE DEL CASO CLINICO: LIFE  THEMES AND PLANS IMPLICATIONS OF BIASED BELIEFS: ELICITATION AND TREATMENT (LIBET).  X Congresso Nazionale SPR-Italy Area Group, 12-13-14 settembre 2014, Padova

Il modello di intervento LIBET, le sedi a cui rivolgersi

Studi Cognitivi Bolzano

Bolzano

Via Macello, 65 - 39100 Bolzano (Bz)
Tel 0471 975087
Fax 0471 975197
bolzano@ptcr.it
Studi Cognitivi Firenze

Firenze

Via delle Porte Nuove, 10 50144 Firenze
Tel/Fax 055 3245357
info@scuolacognitivafirenze.it
Studi Cognitivi Milano

Milano

Foro Bonaparte, 57- 20121 Milano
02 4150998
02 87238216
info@studicognitivi.net
Studi Cognitivi Milano PTCR

Milano PTCR

Foro Buonaparte, 57 20121 Milano
Tel 02 4150998 – Fax 02 87238216
info@ptcr.it
Studi Cognitivi San Benedetto del Tronto

San Benedetto del Tronto

Viale Secondo Moretti, 44 63074 S. Benedetto del Tronto
Tel 0735 587194 – Fax 0735 575140
sanbenedettodeltronto@studicognitivi.net