Consulenza per infertilità e Procreazione Medicalmente Assistita

infertilità e Procreazione Medicalmente Assistita - Servizio di consulenza

A chi è rivolto il servizio di consulenza per infertilità e Procreazione Medicalmente Assistita

Il servizio di consulenza è rivolto alle coppie che si stanno confrontando con il tema della infertilità e alle coppie che intraprendono un percorso di Procreazione Medicalmente Assistita (PMA).

Definizione di infertilità

I temi che ruotano intorno all’età fertile si accompagnano a dei cambiamenti psichici nella vita degli individui e delle coppie. In alcuni casi possono dar origine a disagi che, se sottovalutati,  hanno effetti a lungo termine e  possono compromettere la qualità di vita delle singole persone, della coppia e della successiva relazione con il proprio figlio/a.

In Italia 2 coppie su 10 hanno problemi di fertilità e su queste il 4% è sterile.

L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) definisce sterilità la situazione di una coppia in cui uno o entrambi i membri sono affetti da una condizione fisica permanente che non rende possibile il concepimento. Si parla, invece, di infertilità quando una coppia, per cause relative all’uomo o alla donna, non riesce a ottenere una gravidanza dopo un anno di rapporti costanti e non protetti. Il termine infertilità, quindi, al contrario di sterilità, non si riferisce a una condizione assoluta, bensì a una situazione generalmente risolvibile e legata a uno o più fattori interferenti. L’infertilità viene quindi considerata una patologia e come tale può essere sottoposta a cura.

L'infertilità viene ormai considerata uno degli eventi più stressanti nella vita di una persona in quanto ha importanti ricadute a livello sociale, emotivo ed economico. Le ricerche sull’infertilità hanno dimostrato che chi non riesce ad avere figli soffre maggiormente di ansia e depressione, ha problemi di autostima e vissuti di colpa, vergogna e rabbia che possono danneggiare le relazioni sociali e di coppia.

Si è dimostrato che la terapia cognitivo comportamentale sui pazienti che presentano infertilità sia più efficace di un trattamento di farmacoterapia nel curare le ricadute della infertilità a livello relazionale, sessuale, sociale e della rappresentazione di sé.

La Procreazione Medicalmente Assistita

Il termine Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) indica l’insieme di tutte le tecniche disponibili per ottenere un concepimento da parte di coppie con problemi di infertilità. Essa può essere di due tipi: omologa ed eterologa. La prima prevede che i gameti che formeranno l’embrione provengano dai membri della coppia; la seconda accetta la donazione di ovuli e spermatozoi da parte di individui esterni alla coppia (donatori).

Le procedure maggiormente utilizzate sono: inseminazione intrauterina (IUI), fecondazione in vitro (FIVET), fecondazione microassistita con l’introduzione di un singolo spermatozoo dentro l’ovocita (iniezione intracitoplasmica di sperma ICSI). Ogni tecnica di Procreazione Medicalmente Assistita comporta specifiche difficoltà psicologiche, relativamente al tipo di procedura medica utilizzata (più o meno invasiva), ai tempi del trattamento, all’alta frequenza dei controlli e alla probabilità di successo.

Già la legge 40/2004, alla luce di questo, prevedeva la presenza di un consulente psicologo nei centri di Procreazione Medicalmente Assistita e il personale medico era in dovere di proporre la possibilità di una consulenza psicologica. Inoltre, con la sentenza della Corte Costituzionale NR. 162/2014 (che ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del divieto di fecondazione eterologa) veniva raccomandata la valutazione e consulenza psicologica anche per i donatori di seme e le donatrici di ovociti.

Fornire sostegno psicologico prima, durante e dopo il trattamento, esplorare le ripercussioni emotive della condizione di infertilità, approfondire gli atteggiamenti verso la gravidanza, la nascita di un figlio e la genitorialità sono i principali obiettivi della consulenza psicologica per le coppie che accedono alla Procreazione Medicalmente Assistita.

La consulenza psicologica per l'infertilità

I colloqui di consulenza per l'infertilità, individuali o di coppia, hanno come scopo l’inquadramento della situazione e prevedono  l'accoglimento della sofferenza, un’analisi delle risorse e dei costrutti legati alla genitorialitá e all'immagine di sé.

La consulenza per l'infertilità si articola attraverso un ciclo breve di colloqui individuali o di coppia (3) cui farà seguito a discrezione del clinico, l’invio in psicodiganostica e in psicoterapia.

La consulenza psicologica per le coppie che intraprendono un percorso di Procreazione Medicalmente Assistita

La consulenza psicologica per le coppie che intraprendono un percorso di Procreazione Medicalmente Assistita prevede:

  • Colloqui di coppia e/o individuali a seconda della valutazione del clinico e delle esigenze specifiche nell’ambito del percorso della Procreazione Medicalmente Assistita (omologa e eterologa).
  • Colloqui individuali per le donatrici di ovociti e i donatori di seme.

Nello specifico il servizio di consulenza psicologica si articola in tre step (a seconda del momento in cui viene effettuata la richiesta e delle esigenze della coppia):

Prima del trattamento di PMA 

L'obiettivo è:

  • affrontare i vissuti relativi alla diagnosi di infertilità e agli eventuali insuccessi del periodo precedente la richiesta e favorirne il processo di accettazione e adattamento (i sentimenti e i vissuti di frustrazione, rabbia, tristezza, colpa ecc. possono mettere a rischio l’efficacia delle tecniche mediche vanno per tanto affrontati ed elaborati prima di intraprendere il percorso di Procreazione Medicalmente Assistita);
  • sostenere e informare la coppia su tutti i risvolti emotivi e relazionali implicati nella decisione di intraprendere il percorso di Procreazione Medicalmente Assistita (ancor più nei casi di fecondazione eterologa, in cui le emozioni conflittuali si moltiplicano in relazione all’inserimento, nel processo generativo, di un donatore esterno) promuovendo un’assunzione di responsabilità consapevole;
  • sondare eventuali dubbi e aspettative della coppia riguardo al percorso, alle attese di successo e insuccesso,  alla gravidanza e alla genitorialità (i membri della coppia possono avere vissuti e aspettative discrepanti e l’aiuto alla condivisione dei punti di vista reciproci può ridurre incomprensioni e conflittualità).

Durante il trattamento di PMA

L'obiettivo è:

  • sostenere la coppia nel corso dei trattamenti di fecondazione assistita (e nel periodo di attesa che va dall’inizio della tecnica al giorno della risposta), accompagnandola nei momenti di difficoltà e aiutandola a compiere il percorso con minor ansia e maggior fiducia possibili facilitando l’iter verso il concepimento;
  • minimizzare l’impatto degli eventi medici (frequenti visite, ecografie, spermiogramma, esami clinici ecc.) e fisici (possibile comparsa di dolore in sede ovarica, tensione addominale ecc.) che la coppia deve affrontare;
  • facilitare l’elaborazione dei fattori psicologici implicati nella Procreazione Medicalmente Assistita e delle fantasie e aspettative della coppia riguardo al percorso, alla gravidanza e alla genitorialità in una spazio di condivisione e confronto che potenzi le risorse presenti e getti le basi per una maternità e paternità serena.

Alla fine del trattamento di PMA:

L'obiettivo è:

  • sostenere la coppia anche dopo che l’intervento ha avuto buon esito in modo da aiutare gli aspiranti genitori ad accettare e gestire i nuovi vissuti e le complesse dinamiche psicologiche implicate nella transizione alla genitorialità (essa è infatti un evento molto delicato che comporta una serie di cambiamenti e di adattamenti psicologici in tutte le coppie che si avvicinano ad avere un figlio, ma ancora di più in coloro che hanno alle spalle un percorso di Procreazione Medicalmente Assistita, soprattutto se si è ricorso alla donazione di gameti);
  • sostenere la coppia anche quando l’intervento non ha avuto buon esito aiutandola ad accettare ed elaborare i vissuti dolorosi che ne derivano (occorre tenere presente che il percorso spesso ha buon esito dopo più tentativi e che la persistenza è un fattore fondamentale per avere successo. Il supporto psicologico aiuta a superare il dolore del fallimento e a mantenere salda la convinzione, aumentando così la probabilità di generare un figlio).

Bibliografia

  • Ardenti, R. (1999). Il supporto psicologico durante l’iter della PMA. In Bambini e genitori speciali? Dal bambino desiderato al bambino reale (pp. 199-204). Roma: Percorsi Editoriali.
  • Benyamini, Y, Gozlan, M., Kokia, E. (2009). Women’s and men’s, perceptions of infertility and their associations with psychological adjustment: a dyadic approach. British Journal of Health Psycology; 14(1): 1-16.
  • Domar, A.D., Seibel, M.M., Benson, H. (1990). The mind/body program for infertility: a new behavioral treatment approach for women with infertility. Fertility and Sterility; 53(2): 246-249.
  • Documento sulle problematiche relative alla fecondazione eterologa a seguito della sentenza della corte costituzionale nr. 162/2014;
  • Eugster, A., Vingerhoets, AJ. (1999). Psychological aspects of in vitro fertilization: a review. Social Science & Medicine, 48:575-89;
  • Faramarzi, M., Pasha, H., Esmailzadeh, S., Kheirkhah, F., Heidary, S., Afshar, Z. (2013). The Effect of The Cognitive Behavioral Therapy and Pharmacotherapy on Infertility Stress:A Randomized Controlled Trial. International Journal of Fertility and  Sterility, 7(3)
  • Golombok, S., Brewaeys, A., Giavazzi, M.T., Guerra, D., MacCallum, F. and Rust, J. (2002). The European study of assisted reproduction families: the transition to adolescence. Human Reproduction, 17, pp. 830–840;
  • Golombok, S., Readings, J., Blake, L., Casey, P., Mellish, L., Marks, A., Jadva, V., (2011). Children conceived by gamete donation: Psychological adjustment and mother-child relationships at age 7. Journal of Family Psychology, 25(2), 230-239;
  • Linee guida contenenti le indicazioni delle procedure e delle tecniche di procreazione medicalmente assistita
art. 7 - legge n. 40/2004 -
linee guida 2015.
  • Oddens, B.J., den Tonkelaar, I., Nieuwenhuyse, H. (1999). Psychosocial experiences in women facing fertility problems - a comparative survey. Human Reproduction, 14 (1): 255–261;
  • Purewal, S., Van den Akker,  O.B.A. (2009). A study of the effect of message framing on oocyte donation. Human Reproduction, 24 (12): 3136–3143
  • Strauss, B. (2002). Involuntary Childlessness. Psychological assessment,counseling, and therapy. Seattle: Hogrefe & Huber Publishers; 127-150.
  • Kainz, K. (2001). The role of the psychologist in the evaluation and treatment of infertility. Women’s Health Issues; 11(6): 481-485.
  • Thorn, P. (2009). Infertility counselling: alleviating the emotional burden of infertility and infertility treatment. International Journal of Fertility and  Sterility.; 3(1): 1-4.
  • Thorn, P. (2009). Understanding infertility: psychological and social considerations from a counselling perspective. International Journal of Fertility and  Sterility; 3(2): 48- 52
  • Visigalli, R. (2011). Sterilità e infertilità di coppia. Counseling e terapia psicologica. Milano: Franco Angeli Edizioni;
  • Visigalli, R. (2015). Desiderare un figlio. Un sostegno psicologico per affrontare i trattamenti di fecondazione omologa ed eterologa. Milano: Franco Angeli Edizioni;

 

Consulenza per infertilità e Procreazione Medicalmente Assistita, le sedi a cui rivolgersi

Studi Cognitivi Firenze

Firenze

Via delle Porte Nuove, 10 50144 Firenze
Tel/Fax 055 3245357
info@scuolacognitivafirenze.it
Studi Cognitivi Mestre

Mestre

Via Mestrina, 6 Scala C - 30172 Mestre (Venezia)
Tel 041 8020936
mestre@ptcr.it
Studi Cognitivi Milano

Milano

Foro Bonaparte, 57- 20121 Milano
02 4150998
02 87238216
info@studicognitivi.net
Studi Cognitivi Milano PTCR

Milano PTCR

Foro Buonaparte, 57 20121 Milano
Tel 02 4150998 – Fax 02 87238216
info@ptcr.it
Studi Cognitivi Modena

Modena

Via Scaglia Est, 15 - 41126 Modena
Via Pietro Giardini, 472 – Scala L - 41100 Modena
Tel. 059 2928080
Fax 059 2923987
modena@studicognitivi.net
Studi Cognitivi San Benedetto del Tronto

San Benedetto del Tronto

Viale Secondo Moretti, 44 63074 S. Benedetto del Tronto
Tel 0735 587194 – Fax 0735 575140
sanbenedettodeltronto@studicognitivi.net

Consulenza per infertilità e Procreazione Medicalmente Assistita, i centri clinici affiliati a cui rivolgersi