Gruppo di Psicoeducazione alimentare ed emotiva

Educazione alimentare ed emotiva - Gruppi di psicoeducazione

L'importanza della psicoeducazione alimentare

Le persone con disturbi del comportamento alimentare e difficoltà nell’avere un rapporto sereno con il cibo, hanno spesso difficoltà ad accedere al proprio mondo interno (alessitimia) e a comunicare in maniera adeguata i propri bisogni e i propri stati d’animo. Tale difficoltà può essere amplificata dal vivere all’interno di un contesto nel quale esistono molteplici informazioni contraddittorie e confusive a riguardo dell’alimentazione, dei comportamenti alimentari e degli stili di vita. Il percorso di educazione alimentare “dieta emotiva” è un percorso di psicoeducazione che si propone di fornire degli strumenti di alfabetizzazione cognitivo-comportamentale che possono aiutare la persona a comprendere l’interazione tra pensieri, emozioni e comportamenti, facilitandola a orientarsi meglio all’interno dell’orizzonte mediatico nel quale a vario titolo si trattano i temi più svariati quali: veganesimo, ortoressia, vigoressia, abbuffate, obesità, sovrappeso, sottopeso, integratori alimentari, anoressia nervosa, bulimia nervosa, alimentazione incontrollata (binge eating), iper-esercizio, purging.

Cornice teorica su cui si basa il percorso di educazione alimentare psicologica

Nel mare magnum delle informazioni relative all’alimentazione, ai comportamenti alimentari e agli stili di vita, può essere di aiuto avere un orientamento all’interno di un gruppo psicoeducativo di educazione alimentare condotto da professionisti con una solida preparazione nell’ambito della terapia cognitivo-comportamentale dei disturbi del comportamento alimentare che si propone di lavorare sull’interazione tra pensieri, emozioni e comportamenti.

In particolare, gli incontri psicoeducazionali di gruppo di educazione alimentare e gli eventuali incontri individuali verranno condotti alla luce della cornice teorica della terapia cognitivo comportamentale dei disturbi del comportamento alimentare di Fairburn-Dalle Grave (CBT-E = Cognitive Behavioural Therapy-Enhanced).

Per cercare di prendere consapevolezza del proprio mondo interno e dei propri piloti automatici, si utilizzeranno la psicoeducazione e la pratica della Mindfulness, al fine di imparare a vivere appieno il momento presente, a conoscere, accettare e lasciar andare pensieri, emozioni e piloti automatici.

Gli incontri psicoeducazionali di gruppo di educazione alimentare si propongono di mettere a disposizione conoscenze evidence-based che aiutino le persone a comprendere i propri meccanismi di funzionamento e ad acquisire da professionisti del settore delle informazioni attendibili e, ove necessario, delle eventuali indicazioni per percorsi individuali.

Come si articola il servizio di psico educazione alimentare

Incontri di gruppo ed eventuali incontri individuali.

Il servizio offre cicli di incontri di gruppo di circa due ore ciascuno, durante i quali, attingendo dal modello CBT-E (Fairburn-Dalle Grave) si propone un orientamento rispetto all’alimentazione, alle credenze/ ai pensieri disfunzionali, alle emozioni e agli stili di vita.

In particolare, a seconda di come si strutturerà il ciclo di incontri, saranno affrontati in maniera più o meno dettagliata le seguenti tematiche:

  • comportamento alimentare ed emozioni
  • i falsi miti dell’alimentazione e delle diete
  • comportamento alimentare e stili di vita
  • disturbi del comportamento alimentare
  • comportamento alimentare e credenze disfunzionali (controllo)
  • comportamento alimentare ed immagine corporea
  • comportamento alimentare, autostima e perfezionismo

Si accede al gruppo psicoeducativo di educazione alimentare previo colloquio individuale con le professioniste.

Durante il percorso, a seconda delle esigenze, può essere raccomandato un percorso individuale (dieta e/o consulenza psicologica/psicoterapia).

Durata del percorso

3-6 incontri psicoeducazionali di educazione alimentare ed emotiva in gruppo ed eventuali colloqui individuali.

A seconda dell’interesse e delle problematiche emerse, sarà poi possibile strutturare ulteriori percorsi ad hoc individuali o di gruppo.

Bibliografia

  • Balbo, M. (2015) EMDR e disturbi dell’alimentazione. Giunti, Firenze.
  • Calugi S,Ruocco A, El Ghoch M, Andrea C, Geccherle E, Sartori F, Dalle Grave R. (2016). "Residential cognitive-behavioral weight-loss intervention for obesity with and without binge-eating disorder: A prospective case-control study with five-year follow-up". Int J Eat Disord.2016 May 20.
  • Camporese, L., Sartirana, M., Dalle Grave, R. (2012). Vincere il perfezionismo. Un programma basato sulla terapia cognitivo comportamentale. Positive Press, Verona.
  • Dalle Grave, R. (2012). Come vincere i disturbi dell’alimentazione. Positive Press, Verona.
  • Dalle Grave, Mangeri  F. (2012). Come modificare lo stile di vita per vivere a lungo e in salute. Positive Press, Verona.
  • Dalle Grave, R. (2010). Terapia cognitivo comportamentale dell’obesità. Positive Press, Verona.
  • Dalle Grave, R. (2009). Il trattamento dei disturbi dell’alimentazione a Villa Garda. Positive Press, Verona.
  • Dalle Grave, R. (2008). Il peso ragionevole. Positive Press, Verona
  • Fairburn, C.G., (2014). Vincere le abbuffate. Superare il disturbo da binge eating. Raffaello Cortina.
  • Fairburn, C.G. (2010). La terapia cognitive comportamentale dei disturbi dell’alimentazione. Eclipsi, Firenze.
  • Fariburn, C.G. (1999). Vincere le abbuffate. Positive Press, Verona
  • Garner, D.M, Dalle Grave, R. (2010). Terapia cognitivo comportamentale dei disturbi dell’alimentazione. Positive Press, Verona.
  • Kabat-Zinn, J. (2012). Vivere momento per momento. Garzanti, Milano
  • Sassaroli S., Ruggiero, G.M. (2010). I disturbi alimentari. Laterza
  • Sartirana, M., Camporese L., Dalle Grave R. (2013). Vincere la bassa autostima. Un programma basato sulla terapia cognitivo-comportamentale. Positive Press, Verona.
  • Vinai, P., Todisco P. (2007). Quando le emozioni diventano cibo. Raffaello Cortina Editore, Milano

Gruppo di Psicoeducazione alimentare ed emotiva, le sedi a cui rivolgersi

Studi Cognitivi Firenze

Firenze

Via delle Porte Nuove, 10 50144 Firenze
Tel/Fax 055 3245357
info@scuolacognitivafirenze.it
Studi Cognitivi Genova

Genova

Via Domenico Fiasella, 16/4 16122 Genova
Tel 010 8683077
genova@psicoterapiaescienzacognitiva.it
Studi Cognitivi Mestre

Mestre

Via Mestrina, 6 Scala C - 30172 Mestre (Venezia)
Tel 041 8020936
mestre@ptcr.it
Studi Cognitivi Modena

Modena

Via Scaglia Est, 15 - 41126 Modena
Via Pietro Giardini, 472 – Scala L - 41100 Modena
Tel. 059 2928080
Fax 059 2923987
modena@studicognitivi.net

Gruppo di Psicoeducazione alimentare ed emotiva, i centri clinici affiliati a cui rivolgersi

Gruppo di Psicoeducazione alimentare ed emotiva, per il trattamento dei disturbi: